Pali Trivellati

Pali Trivellati: il foro che verrà occupato dal palo viene realizzato con asportazione di terreno. Se il tipo di terreno nel quale viene eseguita la perforazione non è in grado di auto-sostenersi, man mano che viene eseguito il foro viene infissa anche una tubazione (“camicia”) che ha lo scopo di sostenere il terreno circostante.

trivella
I motivi per cui si ricorre all’impiego dei pali trivellati possono essere molteplici, tra cui:

  • scadenti caratteristiche meccaniche del terreno con conseguente impossibilità di realizzazione di fondazioni superficiali;
  • limitazione dei cedimenti;
  • trasferimento dei carichi a profondità non interessate da fenomeni di erosione;
  • necessità di assorbire dei carichi orizzontali;
  • realizzazione di opere al largo delle coste;
  • fondazioni per pile di viadotti;
  • rinforzo di strutture esistenti mediante sottofondazione;
  • paratie realizzate con pali accostati.

Si utilizza per lo scavo trivelle a spirale o bucket, realizzato normalmente senza l’ausilio del rivestimento metallico oppure con un parziale rivestimento del foro (camicia) con o senza circolazione di fango bentonitico.
I più frequenti diametri dei pali trivellati di grande diametro variano tra gli 600 mm. e i 1.500 mm., con profondità variabili, usualmente fino a un massimo di 20-25 metri.